Virtù, emozioni e felicità: contrapposizione o relazione?

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

Abstract

[Ita:]Il saggio esamina due tesi: secondo la prima l’uomo moralmente buono generalmente soffre, talvolta fino a subire persecuzioni, quello malvagio invece prospera e consegue il successo nel mondo; per la seconda, amplificatasi soprattutto a partire da Nietzsche, la virtù non solo non rende felici, ma è essa stessa la causa dell’infelicità. L’antinomia tra virtù e felicità deflagra poi oggigiorno in una temperie emozionalista, nella quale il fine è essere sempre intensamente emozionati e l’imperativo morale è: «libera le tue emozioni». Si tratta allora di rilevare il nesso amore-felicità/contentezza, quello tra virtù e amore, quindi quello tra virtù e felicità/contentezza: l’uomo pienamente virtuoso vive per amore e perciò può sperimentare momenti di felicità e vivere con uno stato d’animo durevole di fondo di contentezza. Per contro, chi si fa invadere dalle emozioni intense e le cerca continuamente, finisce, non subito bensì a lungo andare, per diventarne sottomesso, finisce per mutilare la propria libertà e per impoverire gravemente la sua capacità di esperire sentimenti.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Virtue, emotions and happiness: contrast or relationship?
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)27-42
Numero di pagine16
RivistaEGERIA
Stato di pubblicazionePubblicato - 2013

Keywords

  • emozioni
  • felicità
  • virtù

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Virtù, emozioni e felicità: contrapposizione o relazione?'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo