Violenza e Mercati Illegali: Teorie a Analisi della Realtà Italiana

Alberto Aziani*

*Autore corrispondente per questo lavoro

Risultato della ricerca: LibroBook

Abstract

[Ita:]Chi uccide, e chi viene ucciso, nei mercati illegali? Come e perché si uccide nei mercati illegali? Violenza e mercati illegali: Teorie e analisi della realtà italiana indaga l’emergere della violenza come strumento, e fine, degli individui e dei gruppi che operano nei mercati illegali. La prima parte del libro propone un’articolata riflessione teorica sul legame tra società, economia illegale e violenza. Nel fare questo, esamina inoltre i meccanismi che portano taluni mercati illegali ad essere particolarmente violenti. La seconda parte del libro presenta un originale studio empirico della violenza nei mercati illegali italiani. Analizzando quantitativamente e qualitativamente tutti i casi di omicidio avvenuti in Italia nel 2014, lo studio dà prova di come siano soprattutto i gruppi mafiosi a scatenare la violenza sistemica, cioè legata al funzionamento dei mercati illegali. Caso per caso, viene dimostrato come la diffusione di subculture criminali agisca da catalizzatore della violenza e come la violenza nei mercati illegali, in particolare quello delle droghe, abbia sia una componente funzionale —controllo del territorio, riscossione di crediti, risoluzione di dispute— che una espressiva —affermazione di sé, appagamento del desiderio di vendetta, difesa del proprio onore.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Violence and Illegal Markets: Theories and Analysis of the Italian Reality
Lingua originaleItalian
EditoreVita e Pensiero
Numero di pagine184
ISBN (stampa)978-88-343-5061-4
Stato di pubblicazionePubblicato - 2022

Keywords

  • Controllo del territorio
  • Crimine Organizzato
  • Disorganizzazione sociale
  • Droga
  • Droghe
  • Economia illegale
  • Mafia
  • Omicidi
  • Spaccio
  • Subculture criminali
  • Violenza sistemica

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Violenza e Mercati Illegali: Teorie a Analisi della Realtà Italiana'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo