Vino e GDO: stato dell’arte e driver di valore

Risultato della ricerca: Contributo in libroChapter

Abstract

[Ita:]Sebbene negli ultimi dieci anni gli italiani abbiano ridotto la spesa destinata a cibi e bevande, l’85% degli italiani con un’età compresa tra i 18 e i 65 anni ha consumato vino negli ultimi 12 mesi : buona parte di essi lo ha acquistato in un Punto Vendita, o su di un sito, della Grande Distribuzione Organizzata (GDO). Per questo, e altre motivazioni legate all’evoluzione degli stili di acquisto e di consumo degli shopper, si è deciso di approfondire il ruolo che la categoria vino svolge all’interno delle corsie della GDO, offline e online. Il capitolo è strutturato come segue: nella prima sezione verranno delineati i tratti salienti della GDO in termini di consistenza e trend; nella seconda sezione si descrive il peso che la categoria del vino ha nei punti vendita della GDO evidenziandone trend di vendite a valore e a volume, preferenze di packaging, tassi di promozionalità; nella terza sezione il focus si stringe sul tema della Marca del Distributore (MDD); la quarta sezione prende in considerazione i casi più rilevanti di ecommerce nel mercato del vino. Il contributo si conclude proponendo alcune riflessioni sui principali driver di creazione del valore nel prossimo futuro.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Wine and large-scale retail trade: state of the art and value drivers
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteLa ricerca scientifica Sanguis Jovis
Pagine70-109
Numero di pagine40
Stato di pubblicazionePubblicato - 2020

Keywords

  • retail
  • vino

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Vino e GDO: stato dell’arte e driver di valore'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo