Un fastidio inevitabile. La storiografia italiana dell'ultimo decennio sulla censura nella prima Età Moderna (secoli XVI-XVII). Alcune note

Simone Lombardo

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

Abstract

[Ita:]Negli ultimi anni la storiografia italiana ha registrato una discreta attenzione al fenomeno della censura in epoca moderna, in particolar modo concentrandosi sul rapporto esistente tra gli Indici emanati dalla Chiesa e la società italiana. Sono qui analizzate e confrontate diverse monografie che a partire dal 2005 hanno trattato l’argomento rispetto ai secoli XVI-XVII, per delineare la direzione e le tendenze dell’indagine storica odierna. Si offre una rassegna comparata dei lavori di G. Fragnito, U. Rozzo, V. Frajese, F. Barbierato, E. Rebellato, M. Sabato, M. Cavarzere, S. Landi, R. Savelli, M. Infelise. Caduti alcuni schemi che avevano affetto la ricerca durante il ‘900, gli studiosi si sono aperti all’analisi seguendo forme nuove e dando risalto a particolari prima poco analizzati, come il processo di formazione dei diversi Indici, il rapporto con i poteri politici della penisola, le divergenze all’interno delle Congregazioni e l’effettiva incidenza che ebbero le proibizioni su diversi strati sociali del paese. Il centro dell’attenzione è spesso rivolto alla fase di ‘normalizzazione’ della situazione piuttosto che a quella della repressione violenta cinquecentesca; un posto particolare è riservato allo studio dei meccanismi istituzionali e al funzionamento della censura. Molto ribadita è la suddivisione in classi di lettori, con gradi di libertà differenti. Si sono notate due tendenze generali nei testi: una che descrive l’impegno delle strutture censorie come progetto unitario e coerente di controllo della società; l’altra che invece mostra le fratture all’interno della stessa Chiesa negli obiettivi e nei modi della censura. Si auspica una maggiore apertura alla storiografia straniera, il confronto con la quale potrebbe fornire apporti determinanti agli studi italiani; l’apertura potrebbe essere estesa anche ad altri rami della storia, non solo a quella del libro. In appendice si trova l’elenco delle monografie italiane analizzate.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] An inevitable nuisance. Italian historiography of the last decade on censorship in the early Modern Age (16th-17th centuries). Some notes
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)188-234
Numero di pagine47
RivistaBIBLIOTHECAE.IT
Volume7
DOI
Stato di pubblicazionePubblicato - 2018

Keywords

  • Catholic Church
  • Censorship
  • Chiesa cattolica
  • Control
  • Età moderna
  • History
  • Index
  • Indici dei libri proibiti
  • Information Systems
  • Italian historiography
  • Library and Information Sciences
  • Modern Age
  • Sant'Uffizio
  • Sant’Uffizio
  • Storiografia
  • censura

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Un fastidio inevitabile. La storiografia italiana dell'ultimo decennio sulla censura nella prima Età Moderna (secoli XVI-XVII). Alcune note'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo