Un cristiano alla corte dei Ming. Xu Guangqi e il dialogo interculturale tra Cina e Occidente

Elisa Maria Giunipero (Editor), 27260 (Editor), DI SCIENZE LINGUISTICHE E LETTERATURE STRANIERE FACOLTA' (Editor), MILANO - Dipartimento di Scienze linguistiche e letterature straniere (Editor)

Risultato della ricerca: LibroOther report

Abstract

[Ita:]Xu Guangqi (1562-1633), eminente funzionario imperiale e grande scienziato, si convertì al cristianesimo e fu battezzato con il nome di Paolo. Matteo Ricci, di cui Xu Guangqi fu intimo amico, elogiò il «Dottor Paolo» come «la magior colonna» del cristianesimo di fine epoca Ming (1368-1644). Personaggio chiave nella storia del cattolicesimo cinese e delle relazioni culturali tra Oriente e Occidente, in un’epoca di crisi dei valori tradizionali cinesi, Xu Guangqi - originario di Shanghai - adottò nei confronti delle scienze occidentali con un atteggiamento aperto e intelligente, lontano da qualsiasi senso di superiorità o antagonismo. Visse anzi sperimentando le connessioni profonde tra i due universi culturali e cercando di esprimerle in un’eccezionale esperienza interculturale. Confuciano e cattolico al tempo stesso, è infatti oggi significativamente ricordato nel suo Paese come «il primo Cinese ad aver assimilato la cultura cinese e quella occidentale». Questo volume indaga in modo particolare la sua vita come cristiano: la sua scelta religiosa, infatti, è alle origini di quella sintesi interculturale che esercita ancora oggi un fascino straordinario su chiunque si accosti alla conoscenza della sua vicenda umana.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] A Christian in the Ming court. Xu Guangqi and the intercultural dialogue between China and the West
Lingua originaleItalian
EditoreGuerini & Associati
Numero di pagine301
ISBN (stampa)9788862503914
Stato di pubblicazionePubblicato - 2013

Keywords

  • Late Ming
  • Xu Guangqi

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Un cristiano alla corte dei Ming. Xu Guangqi e il dialogo interculturale tra Cina e Occidente'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo