Ulysses or Richelieu? Verbal Styles of Deceptive Communication [Ulisse o Richelieu? Stili verbali della comunicazione menzognera]

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

Abstract

[Ita:]la men¬zogna si configura come un'esperienza multidimensionale, i cui aspetti costitutivi sono rappresentati dall'intenzione di ingannare da parte dell'emittente, dalla falsit del con¬tenuto e dalla comunicazione di tale contenuto ad un inter¬locutore. Questi aspetti .prototipici/ possono essere presenti in diverso grado e non tutti contemporaneamente, in un gioco di relazioni e composizioni che rendono ragione dell'apparte¬nenza alla categoria della .menzogna/ di fenomeni diversi quali la .menzogna sfacciata/, .la menzogna indiretta/, .la menzogna sociale/, .la menzogna bianca/, ecc. L'analisi semantica della menzogna e l'esplorazione psi¬cologica del processo del mentire hanno inoltre consentito di definirla come un .atto comunicativo/ di particolare complessit, poich la comunicazione della menzogna si arti¬cola su un duplice livello di intenzione (nascosta e manife¬sta) e richiede all'emittente un'attenta regia dell'atto, pena lo smascheramento dell'inganno.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Ulysses or Richelieu? Verbal Styles of Deceptive Communication [Ulysses or Richelieu? Verbal styles of lying communication]
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)379-401
Numero di pagine23
RivistaLingua e Stile
Volume34
Stato di pubblicazionePubblicato - 1999

Keywords

  • menzogna
  • voce

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Ulysses or Richelieu? Verbal Styles of Deceptive Communication [Ulisse o Richelieu? Stili verbali della comunicazione menzognera]'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo