Abstract

[Ita:]Gabriele d’Annunzio intrattiene un rapporto particolare con la tradizione letteraria: ultimo dei classici e primo dei moderni, la sua opera funziona come una cerniera fra antico e nuovo, ovvero fra categorie che appaiono costantemente in primo piano nella sostanza e nello sviluppo della propria produzione. Ricchissima è la tradizione, per così dire, in entrata, ovvero il riferimento ad autori del passato, e altrettanto nutrita quella “in uscita”, vale a dire la compagine di coloro che, nel corso del secolo scorso, hanno sviluppato spunti e suggestioni di carattere tematico e stilistico provenienti dall’opera di d’Annunzio; tradizione, quest’ultima, spesso negata o disconosciuta, nell’ambito di quel più ampio fenomeno del rifiuto di d’Annunzio che caratterizza gran parte del Novecento letterario. Caso emblematico, per quanto spesso travisato o superficialmente interpretato, è quello de I pastori alcionii, dove d’Annunzio evoca una tradizione plurisecolare, da Esiodo a Dante, per porsi in dialogo con la contemporaneità, rappresentata dalla figura di Pascoli a cui il componimento è cripticamente indirizzato.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Tradition
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteRassegna dannunziana, n.65-66, 2015
Pagine249-258
Numero di pagine10
Stato di pubblicazionePubblicato - 2016
EventoIl mondo di d'Annunzio: temi,forme, valori - Pescara
Durata: 24 ott 201326 ott 2013

Convegno

ConvegnoIl mondo di d'Annunzio: temi,forme, valori
CittàPescara
Periodo24/10/1326/10/13

Keywords

  • d'Annunzio, tradition
  • d'annunzio, tradizione

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Tradizione'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo