Tra il dire e il fare. Sfide attuali e "crisi di crescita" della giustizia riparativa in Italia. Brevi riflessioni sulla giustizia senza ritorsione in un sistema penale ancora retribuzionistico

Risultato della ricerca: Contributo in libroChapter

Abstract

[Ita:]La restorative justice ha conquistato un posto di rilievo e una sicura dignità scientifica anche nella dottrina italiana. Dopo vent’anni dalle prime esperienze operative, la sfida che si pone alla giustizia riparativa in Italia è quella di passare dal “dire” al “fare”, in un sistema sanzionatorio sempre meno ordinato e razionale e, per giunta, assai poco “riparativo”. Anzi, il modello di giustizia e di risposta al reato continua a essere, in teoria o in pratica, quello retributivo: giustizia è ritorsione, “resa dei conti”, “corrispettivo”, “rendere il colpo”. Anche gli strumenti sanzionatori di nuovo conio, dai lavori socialmente utili alla messa alla prova per adulti, perpetuano, in fondo, modalità che vanno osservate con cautela: sotto l’etichetta di “riparazione” potrebbero, infatti, nascondersi ancora una volta idee più “restitutive” che “riparative” e risocializzative, in cui il passo che le differenzia dalla retribuzione potrebbe essere più breve di quel che sembra. Prendendo spunto da questo scenario, il saggio indaga il ruolo e il compito della giustizia riparativa nel sistema penale oggi: verso quali novità può condurre la riflessione scientifica e la pratica della restorative justice, intesa nel modo raccomandato dall’ONU e dal Consiglio d’Europa, cioè come giustizia senza corrispettivo, senza contrappasso, senza colpi da restituire, e come giustizia, invece, del consenso, della partecipazione e dell’impegno all’osservanza dei precetti penale nel futuro? Dopo aver analizzato gli ostacoli al pieno sviluppo della giustizia riparativa in Italia, l’autrice indica quattro “pietre di inciampo”, quattro punti decisivi su cui si gioca il futuro della restorative justice: la volontarietà come cifra della giustizia riparativa nel regno tradizionale della coercizione; il ruolo cruciale del precetto penale nelle pratiche riparative mai riducibili a negoziati tra vittima e autore di reato; l’importanza, ma non la centralità esclusiva, della vittima; la riparazione come risocializzazione, non come contrappasso.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Between saying and doing. Current challenges and "growth crisis" of restorative justice in Italy. Brief reflections on justice without retaliation in a still remunerative criminal system
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteEl sistema de justicia penal y nuevas formas de observar la cuestión criminal. Ensayos en honor a Massimo Pavarini
EditorFernando Tenorio Tagle
Pagine289-319
Numero di pagine31
Stato di pubblicazionePubblicato - 2015

Keywords

  • Criminal justice and restorative justice
  • Criminal justice reform
  • Giustizia riparativa in Italia
  • Giustizia riparativa, lavori di pubblica utilità, messa alla prova
  • Restorative justice in Italy
  • Riforma del sistema penale
  • Sistema penale e giustizia riparativa

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Tra il dire e il fare. Sfide attuali e "crisi di crescita" della giustizia riparativa in Italia. Brevi riflessioni sulla giustizia senza ritorsione in un sistema penale ancora retribuzionistico'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo