Tra Carlo Emanuele I di Savoia (1562-1630) e Federico Borromeo (1564-1631), note di circolazione artistica e culturale

Risultato della ricerca: Contributo in libroContributo a convegno

Abstract

[Ita:]Il tema affrontato dal saggio è l'individuazione di relazioni culturali ed artistiche intercorse tra la corte torinese dei Savoia e l'Ambrosiana di Milano, creata quest'ultima come raccolta libraria e galleria di opere d'arte dal cardinale arcivescovo Federico Borromeo nel primo decennio del XVII secolo. In particolare a partire dallo spoglio dei carteggi intrattenuti tra il Borromeo e il duca Carlo Emanuele I di Savoia si individuano diverse personalità, come lo scrittore gesuita Giovanni Botero e l'architetto umanista Alessandro Tesauro che hanno giocato importanti ruoli su entrambi i fronti. diversi anche i documentati scambi sul fonte delle rispettive collezioni, in particolare nel settore della ritrattistica.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Between Carlo Emanuele I of Savoy (1562-1630) and Federico Borromeo (1564-1631), notes of artistic and cultural circulation
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteScambi artistici tra Torino e Milano 1580-1714
Pagine56-69
Numero di pagine14
Stato di pubblicazionePubblicato - 2016
EventoScambi artistici tra Torino e Milano 1580-1714 - Università degli Studi di Torino; Campus Einaudi-Castello del Valentino-Fondazione Luigi Einaudi
Durata: 28 mag 201529 mag 2015

Convegno

ConvegnoScambi artistici tra Torino e Milano 1580-1714
CittàUniversità degli Studi di Torino; Campus Einaudi-Castello del Valentino-Fondazione Luigi Einaudi
Periodo28/5/1529/5/15

Keywords

  • Borromeo
  • Collecting
  • Collezionismo
  • Museum
  • Savoia
  • museo

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Tra Carlo Emanuele I di Savoia (1562-1630) e Federico Borromeo (1564-1631), note di circolazione artistica e culturale'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo