Testi confraternali e ‘memoria’ della Passione a Brescia tra Tre e Quattrocento. Il Planctus Virginis Mariae e la Sententia finalis iudicii dei Disciplini di San Cristoforo

Carla Maria Bino, Roberto Tagliani

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

Abstract

[Ita:]l'articolo propone l'edizione interpretativa di due importantissimi testi coontenuti nel codice istrumentario dei Disciplini di San Cristoforo di Brescia (Archivio Storico di Bresciam fondo ospedale, Bonelli, busta 99): il primo, completamente inedito, è un Planctus Virginis Mariae, seguito da una Sententia finalis iudicii. Entrambi costituiscono, insieme alla Passio pubblcata da Contini nel 1935, un gruppo coeso e ordinato che si raccoglie in un vero e proprio ufficio paraliturgico per il Giovedì Santo; lungi dall’essere una mera antolo-gia laudistica, i tre testi (Passio, Planctus e Sententia) costituiscono i tre momenti di una medesima azione liturgico-devozionale, che mostrano un’altissima rilevanza, ad un tempo religiosa, storica, culturale e letteraria; essi hanno, inoltre, un grande interesse linguistico, dal momento che confermano, e in certa misura ampliano, i dati istitutivi del canone linguistico del volgare bresciano tra la fine del Trecento e primissimi del Quattrocento, fornendo significativi materiali di spoglio utili ad un confronto con la lingua degli altri testi, già noti, del codice. In questo contributo si fornisce, accanto all’edizione interpretativa dei due testi fondata su criteri conservativi (stante la loro natura di monumenti di lingua), uno studio storico-teatrologico che identifica la funzione dei testi, i loro rapporti interni e la loro destinazione performativa in seno alle cerimonie confraternali, seguito da uno studio dialettologico che mette a confronto i risultati dello spoglio linguistico condotto sulle nuove emergenze testuali con quello magistralmente approntato per la Passio e le preghiere in prosa da Gianfranco Contini nel 1935.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Confraternali from the witness 'memory' against a Brescia Tre e della Passione Quattrocento. The sentence is a grievous mourning by the final judgment of God the Discipline of the Virgin Mary, il di San Cristoforo è la
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)74-123
Numero di pagine50
RivistaFILOLOGIA E CRITICA
VolumeXXXVI
Stato di pubblicazionePubblicato - 2012

Keywords

  • lauda
  • medieval drama

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Testi confraternali e ‘memoria’ della Passione a Brescia tra Tre e Quattrocento. Il Planctus Virginis Mariae e la Sententia finalis iudicii dei Disciplini di San Cristoforo'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo