Teorie della mente e comprensione della bugia: effetto delle massime conversazionali e della rilevanza delle prove

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivista

Abstract

[Ita:]La ricerca si occupa dello sviluppo dell'abilita' di distinguere tra errori e bugie in bambini dai 3 ai 5 anni. Si e' assistito di recente auna ripresa degli studi sull'argomento nell'ambito del paradigma di ricerca sulle teorie della mente, che non ha tuttavia sostanzialmente disconfermato l'ipotesi piagetiana del realismo lessicale, che inficierebbe una piu' matura abilita' di ragionamento morale. Nel presente lavoro, si ipotizza che, qualora le prove vertano su contenuti pertinenti gli interessi del bambino e vengano rispettate le massime conversazionali nella formulazione delle domande, e' possibile evidenziare una comprensione della menzogna come affermazione intenzionalmente ingannevole, e pertanto distinta dagli errori, a eta' piu' precoci di quanto previsto dall'ipotesi del realismo lessicale. Partecipano alla ricerca 276 soggetti equamente ripartiti tra i sessi e nei tre livelli di eta'. I risultati avvalorano l'ipotesi di partenza.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Theories of the mind and understanding of the lie: effect of conversational maxims and the relevance of the evidence
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)77-91
Numero di pagine15
RivistaARCHIVIO DI PSICOLOGIA, NEUROLOGIA E PSICHIATRIA
Volume59
Stato di pubblicazionePubblicato - 1998

Keywords

  • lie comprehension
  • theory of mind

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Teorie della mente e comprensione della bugia: effetto delle massime conversazionali e della rilevanza delle prove'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo