Tecniche di frontiera. Le neuroscienze per il potenziamento cognitivo

Risultato della ricerca: Contributo in libroChapter

Abstract

[Ita:]L’integrazione di metodi e modelli delle neuroscienze in contesti educativi può supportare validi progressi nell’ambito dell’empowerment dei processi di apprendimento, grazie in particolare ai recenti sviluppi nell’ambito delle cosiddette neuroscienze sociali e applicate. Si è andato così delineando un nuovo approccio al potenziamento delle abilità cognitive – definito potenziamento neurocognitivo – che integra percorsi di training cognitivo e formazione con modelli, metodi e strumenti delle neuroscienze applicate. Un percorso di potenziamento neurocognitivo può quindi essere descritto come un comportamento consapevole e intenzionale di incrementare o migliorare le proprie funzioni cognitive (o specifiche abilità, come la lettura) con l’aiuto di tecniche neuroscientifiche in grado di modulare l’attività delle strutture cerebrali e dei circuiti neurali che mediano tali funzioni e supportano le performance cognitive. In particolare, tecniche specifiche come la stimolazione cerebrale non invasiva e il neurofeedback sono oggi studiate con lo scopo di rendere più efficace o rapido un percorso di training cognitivo, di rieducazione funzionale o di addestramento per varie competenze cognitive ed emotive, pur mantenendo la persona al centro del processo di apprendimento.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Frontier techniques. Neuroscience for cognitive enhancement
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteInclusione a 360°. Equità e valorizzazione dei talenti
Pagine82-92
Numero di pagine11
Stato di pubblicazionePubblicato - 2019

Keywords

  • Empowerment
  • Neurofeedback
  • Neuromodulazione
  • Neuroscienze dell’educazione
  • Neurostimolazione
  • Potenziamento neurocognitivo

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Tecniche di frontiera. Le neuroscienze per il potenziamento cognitivo'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo