Sulla natura della responsabilità precontrattuale

Alessandro D'Adda, Camilla Ferrari

Risultato della ricerca: Contributo in libroChapter

Abstract

[Ita:]Il contributo affronta – alla luce della pronuncia di Cassazione 12 luglio 2016, n. 14188 – il tema della natura della responsabilità precontrattuale. Dopo aver richiamato le proposte qualificatorie disponibili in giurisprudenza, orientata in maniera pressoché granitica ad identificare la culpa in contrahendo come responsabilità di tipo aquiliano, e in dottrina, invece fortemente critica, seppur con diversità di sfumature, nei confronti della tesi curiale, gli Autori vagliano la candidatura dell’art. 1218 c.c. a divenire norma di generale applicazione per tutti i casi in cui è dato riscontrare una relazione preesistente tra danneggiante e danneggiato, sia essa già un contratto oppure un “contatto sociale qualificato” rilevante come “altro atto o fatto idoneo” a produrre obbligazioni; con la consapevolezza, tuttavia, che la fattispecie dell’art. 1337 c.c. configura una relazione giuridicamente rilevante ex se e dunque ben più di un “contatto”. Il contributo esamina poi la prospettiva della responsabilità sanitaria, a seguito della legge 8 marzo 2017, n. 24, e infine il profilo del danno precontrattuale risarcibile.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The nature of the pre-contractual liability
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteI nuovi orientamenti della cassazione civile
Pagine299-311
Numero di pagine13
Stato di pubblicazionePubblicato - 2017

Keywords

  • buona fede
  • culpa in contrahendo
  • responsabilità contrattuale

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Sulla natura della responsabilità precontrattuale'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo