[Structural and environmental hygiene of buildings for pre-school and mandatory education, in Italy]

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivista

Abstract

[Ita:]L’esposizione a potenziali fonti di rischio per patologie multifattoriali, tra cui le respiratorie e le allergiche, la cui evoluzione è di tipo generalmente cronico-degenerativo, è tanto più grave quanto maggiore è la suscettibilità e l’”immaturità” dei sistemi di difesa attiva e passiva degli organismi esposti. In tale ottica, l’esposizione nella scuola dell’obbligo di bambini in età infantile e/o adolescenziale ad inquinanti chimici, fisici e biologici risulta essere uno dei maggiori responsabili delle patologie cronico-degenerative che potenzialmente potranno svilupparsi lungo la vita dell’individuo, anche in tarda età. Poiché la maggior parte delle attività scolastiche si svolgono in ambienti chiusi per circa il 92.5% del tempo giornaliero, grande importanza è rappresentata dalla qualità dell’aria “indoor” , influenzata da fattori diversi ed, appunto, molteplici: la qualità dell’aria esterna, la configurazione strutturale dell’edificio, la presenza di fonti di inquinamento interne, le attività che si svolgono nei diversi ambienti (ad esempio attività di laboratorio od artistiche, ecc..), le fonti di emissione specifiche (ad esempio colle usate per mobili o vernici, ovvero le emissioni da stampanti, fotocopiatrici, ecc…). Nessuno, ancora oggi conosce esattamente l’estensione del problema, stimandosi globalmente che il 10-30% dei nuovi edifici scolastici nel mondo occidentale ed industrializzato soffra di qualche problema (OMS, 2010), ad esempio: il tasso di ventilazione e ricambi d’aria è basso (circa 0.5 ricambi aria/ora su medie nazionali); la temperatura dell’aria interna è generalmente aumentata di circa 1.3°C negli ultimi dieci anni (si considerino le conseguenze sull’Effetto Serra); è stato riscontrato un aumento medio del 22.6% di allergie correlabili ad allergeni da interno; campioni di popolazione, in differenti studi e nazioni, indicano un livello medio di circa il 28-36% di studenti/docenti che definiscono non confortevole l’ambiente scolastico. Per iniziare a comprendere al meglio le implicazioni igienico-sanitarie che l’edilizia e l’ambiente possono avere nell’ambito scolastico, bisognerebbe considerare che in passato i materiali utilizzati per l’edilizia civile, così come quella scolastica, erano pochi e di essi si aveva una lunga esperienza, così che sebbene non fossero tecnologicamente avanzati, tanto che i problemi erano legati al mantenimento della temperatura ambientale e del grado di umidità relativa ottimale, ma anche alla fornitura di acqua ed ai rifiuti che ne derivavano, i suddetti materiali avevano come tali uno scarso impatto sulle persone da un punto di vista chimico e fisico. Nel presente, altresì, i nuovi materiali, proprio perché tecnologicamente avanzati, pur rispondendo ai bisogni che i vecchi materiali non riuscivano a sostenere quanto ad abitabilità degli edifici, sono spesso sintetici ed insufficientemente sperimentati dal punto di vista di impatto sulla persona e sull’ambiente, evidenziando, insieme alle scelte progettuali e costruttive, problemi negli edifici legati alle molteplici sostanze, non conosciute e/o sperimentate, utilizzate/od all’incorretto utilizzo di esse. Nel mondo occidentale, e specialmente in Italia, per altro, a partire dagli anni ’50 od, ancor meglio, ’60, si è iniziato ad osservare fenomeni di crescita demografica e sviluppo industriale ed urbano in tempi rapidi, in funzione della ripresa economica successiva agli eventi bellici della II Guerra Mondiale. L’impulso edilizio fu così rapido e “caotico”, che le vecchie tecnologie e strutture edilizie non erano più sufficienti a soddisfare i bisogni della popolazione nell’ambito dell’istruzione così che il patrimonio scolastico divenne repentinamente obsoleto e vetusto, e necessitante di sollecite implementazioni. Ciò anche in forza delle nuove esigenze energetiche che si svilupperanno negli anni ’70 (crisi energetica, ne
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] [Structural and environmental hygiene of buildings for pre-school and mandatory education, in Italy]
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)115-119
Numero di pagine5
RivistaIGIENE E SANITÀ PUBBLICA
Volume68
Stato di pubblicazionePubblicato - 2012

Keywords

  • Adolescent
  • Air Pollutants
  • Air Pollution, Indoor
  • Child
  • Child, Preschool
  • Environmental Exposure
  • Facility Design and Construction
  • Humans
  • Hygiene
  • Infant
  • Italy
  • Respiratory Hypersensitivity
  • Schools

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di '[Structural and environmental hygiene of buildings for pre-school and mandatory education, in Italy]'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo