Steel for Development: Pasquale Saraceno and the fourth Taranto steelworks

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivista

Abstract

[Ita:]Il saggio ripercorre la nascita del quarto centro siderurgico di Taranto dalla prospettiva di Pasquale Saraceno, economista e dirigente dell’Istituto per la ricostruzione industriale. L’impianto fu realizzato nel quadro di una crescente integrazione europea, dopo un lungo confronto e accese polemiche, sia all’interno dell’impresa pubblica, sia fra tecnici dell’Iri, politici e governo. La discussione avvenne durante la transizione della Democrazia cristiana verso il centro-sinistra, mentre acquisiva forza quella classe dirigente cattolica che era favorevole a un maggiore intervento statale in campo economico. Mentre il governo si dotava di strumenti adeguati a governare il fenomeno produttivo, la siderurgia divenne funzionale a un più incisivo intervento straordinario nel Mezzogiorno. Con l’ascesa di Aldo Moro alla segreteria della Dc, vinse la linea sostenuta da Saraceno: l’unificazione economica del paese, attraverso una pianificazione che concepiva i settori di base e l’impresa pubblica quali motori dello sviluppo, all’interno di poli industriali. Il centro di Taranto, inaugurato nel 1964, divenne così il simbolo di un’intera stagione politica, segnata dalla programmazione e dal sogno di allargare le basi democratiche del paese.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Steel for Development: Pasquale Saraceno and the fourth Taranto steelworks
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)75-112
Numero di pagine38
RivistaTHE JOURNAL OF EUROPEAN ECONOMIC HISTORY
Stato di pubblicazionePubblicato - 2019

Keywords

  • Centro siderurgico di Taranto
  • Economia dello sviluppo
  • Pasquale Saraceno
  • SIderurgia italiana

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Steel for Development: Pasquale Saraceno and the fourth Taranto steelworks'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo