Spopolamento differenziato nell’area del Verbano-Cusio-Ossola: cause, effetti socio-territoriali e prospettive di ripopolamento

Risultato della ricerca: Contributo in libroChapter

Abstract

[Ita:]Negli ultimi 150 anni il territorio dell’attuale provincia del Verbano-Cusio-Ossola ha profondamente mutato il suo assetto demografico incrementando di oltre il 50% la popolazione residente. Tuttavia, l’andamento è stato molto disomogeneo, caratterizzando di più le aree interessate dal maggiore sviluppo industriale e registrando lo spopolamento, tuttora in corso, di quelle montane, causato invece dalla marginalità geografica, dalla scarsa accessibilità e dalla carenza di risorse economiche. In alcuni casi, sono state favorevolmente determinanti, le cause geopolitiche, legate alla presenza del confine di Stato che ha alimentato le attività doganali e il contrabbando. Oggi la stabilizzazione delle poche comunità rimaste a presidiare le aree montane può essere riproposta con la valorizzazione di risorse vecchie e nuove, come il turismo e la gestione di aree protette, generando nuovi posti di lavoro e compensando in parte la progressiva riduzione di quelli legati all’industria che, per decenni, fino al secondo dopoguerra, aveva sostenuto l’economia e l’evoluzione demografica.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Differentiated depopulation in the Verbano-Cusio-Ossola area: causes, socio-territorial effects and prospects of restocking
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteTerritori spezzati. Spopolamento e abbandono delle aree interne dell’Italia contemporanea
EditorA. Palumbo G. Macchi Janica
Pagine29-34
Numero di pagine6
Stato di pubblicazionePubblicato - 2019

Keywords

  • Confini
  • Esodo montano
  • Turismo
  • Verbania

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Spopolamento differenziato nell’area del Verbano-Cusio-Ossola: cause, effetti socio-territoriali e prospettive di ripopolamento'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo