Similitudinem quidem immensa reputatio est (NH VII, 52). Evocazione, assimilazione, sovrapposizione nella ritrattistica monetale antica

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

Abstract

[Ita:]Il contributo studia il fenomeno della similitudo nella ritrattistica monetale antica, ossia della rassomiglianza che, in modo più o meno evidente, si può notare fra ritratti di personaggi diversi impressi sulle monete. Le riflessioni su differenti categorie di similitudo – donne simili a uomini, uomini simili ad altri uomini, uomini trasformati in donne per non citare che alcuni esempi – conducono l’autrice a formulare ipotesi a proposito delle motivazioni di tali, ben distinte,similarità. Alcune rassomiglianze somatiche potrebbero riguardare l’ideologia del potere e riflettere una situazione politica, altre essere di tipo puramente genealogico o, ancora, semplicemente ricostruite sulla base di un’immagine già esistente a causa della mancanza di un prototipo.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Similitudinem quidem immensa reputatio est (NH VII, 52). Evocation, assimilation, overlap in ancient monetary portraiture
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)169-202
Numero di pagine34
RivistaNUMISMATICA E ANTICHITÀ CLASSICHE
Stato di pubblicazionePubblicato - 2014

Keywords

  • Ritratti monetali
  • Ritrattistica romana

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Similitudinem quidem immensa reputatio est (NH VII, 52). Evocazione, assimilazione, sovrapposizione nella ritrattistica monetale antica'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo