Sigismondo Malatesta, un criminale neoplatonico. Péladan lettore mistico del Palazzo Malatestiano.

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

Abstract

[Ita:]In questo saggio ci proponiamo di analizzare l’ambiguità dell’interpretazione del Tempio Malatestiano nell’opera di Joséphin Péladan. Per Péladan l prestigio del Tempio è legato alla fede nell’assoluto dell’Arte, e sia nel romanzo Le Vice Suprême che nell’opera teorica L’Art Idéaliste et Mystique Péladan ritrae Sigismondo Malatesta come il sacerdote dell’Arte, riscattato dai propri crimini dalla fede neoplatonica. L’apparente linearità di questa posizione nasconde di fatto una profonda ambiguità ideologica, alla quale l’estrema destra europea dell’inizio del XX secolo si ispirò. Péladan condivide questa ambivalenza con la generazione Simbolista-Decadente nel suo insieme, e per quanto non consapevole della portata di alcune sue posizioni, Péladan dimostra ampiamente l’ambivalenza intrinseca dell’interpretazione ideologica dei monumenti.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Sigismondo Malatesta, a neo-Platonic criminal. Péladan mystical reader of the Malatesta Palace.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)79-90
Numero di pagine12
RivistaL'ANALISI LINGUISTICA E LETTERARIA
Stato di pubblicazionePubblicato - 2018

Keywords

  • Joséphin Péladan
  • Malatesta
  • Temple de Malatesta
  • ideology
  • idéologie.
  • neoplatonism
  • néoplatonisme

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Sigismondo Malatesta, un criminale neoplatonico. Péladan lettore mistico del Palazzo Malatestiano.'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo