SIAMO TUTTI UN PO’ AFRICANI?

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

Abstract

[Ita:]il Dottor Lluis Quintana-Mursi, genetista dell’Istituto Pasteur di Parigi, si è concentrato da diversi anni sullo studio del DNA di alcune popolazioni per risalire alle loro origini e alle rispettive aree di provenienza. I suoi studi sono stati effettuati su gruppi tribali che vivono in condizioni di nomadismo nelle regioni desertiche al confine tra il Pakistan e l’Iran. E proprio tra queste famiglie sono state rilevate significative percentuali di DNA africano, dove la percentuale africana è risultata essere del 40% nel genere femminile e solo del 8% nel DNA maschile (H. Tubman Centre, York University, Canada). Quest’ultimo dato in particolare ha suscitato perplessità e curiosità, fino a coinvolgere numerosi storici e antropologi che si occupano di queste aree. Tali studi interdisciplinari hanno dato il via a una serie di conferenze e forum internazionali. Le aree di provenienza africane individuate dal genetista francese sono state la Somalia e il Mozambico. Una delle motivazioni di una così grande disparità tra donne e uomini potrebbe risiedere nel forte afflusso nella storia di concubine dall’Africa orientale verso l’Asia sud-occidentale e di numerosi eunuchi, uomini mutilati sulle coste estafricane e venduti nelle principali corti arabe, turche ed asiatiche. I movimenti di popoli attraverso i mari d’oriente hanno sempre condotto a notevoli e importanti modificazioni.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] ARE WE ALL A LITTLE AFRICAN?
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)83-88
Numero di pagine6
RivistaQUADERNI ASIATICI
Stato di pubblicazionePubblicato - 2008

Keywords

  • Africa Orientale
  • Storia

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'SIAMO TUTTI UN PO’ AFRICANI?'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo