Senza politica criminale non può darsi diritto penale. L’essere e il dover essere della risposta ai reati nel pensiero di Massimo Pavarini

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

Abstract

[Ita:]Viene proposta un’analisi – sulla traccia del pensiero di Massimo Pavarini – circa il ruolo effettivamente svolto dalle scelte di penalizzazione e inerenti alle politiche sanzionatorie, specie con riguardo alle carenze, che esse hanno indotto, nella progettazione di una politica criminale complessiva, tale da coinvolgere l’intero ordinamento giuridico. In questo senso è operata una rivisitazione del senso da attribuirsi al principio di «extrema ratio» nel ricorso al diritto penale e, segnatamente, alla sanzione detentiva, secondo l’auspicio di una ripresa dell’interesse – alquanto trascurato anche nella ricerca accademica – per la politica criminale. Nel medesimo tempo, sono delineate le caratteristiche di una risposta al reato intesa come «progetto», piuttosto che come «ritorsione», così che nella medesima possa riflettersi anche la consapevolezza della corresponsabilità sociale nella genesi dei reati.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Without criminal policy, criminal law cannot exist. The being and the must be of the response to crimes in the thought of Massimo Pavarini
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)467-483
Numero di pagine17
RivistaCRIMINALIA
Volume2015
Stato di pubblicazionePubblicato - 2016

Keywords

  • criminologia
  • pena
  • politica criminale
  • riforma dei sistemi sanzionatori penali

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Senza politica criminale non può darsi diritto penale. L’essere e il dover essere della risposta ai reati nel pensiero di Massimo Pavarini'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo