Schermi a strapiombo. La figura del funambolo nella teoria e nell’esperienza filmica a partire da "The Walk" di Robert Zemeckis

Adriano D'Aloia

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivista

Abstract

[Ita:]Film come "The Walk" di Robert Zemeckis portano a estrema maturazione le intuizioni presenti fin dai primordi dell’analisi dell’esperienza filmica: la capacità del cinema di sospendere lo spettatore sul ciglio di un precipizio e di offrire un coinvolgimento spettacolare e “vertiginoso”, mettendo in tensione il suo senso dell’equilibrio.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Overhanging screens. The figure of the tightrope walker in the theory and in the filmic experience starting from "The Walk" by Robert Zemeckis
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)2-5
Numero di pagine4
RivistaSEGNOCINEMA
Stato di pubblicazionePubblicato - 2016

Keywords

  • Cinema contemporaneo
  • Empatia filmica
  • Robert Zemekis
  • The Walk

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Schermi a strapiombo. La figura del funambolo nella teoria e nell’esperienza filmica a partire da "The Walk" di Robert Zemeckis'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo