Ruoli intermedi e processi di convivenza organizzativa in una casa circondariale

Chiara D'Angelo, Caterina Gozzoli, Daniela Frascaroli

Risultato della ricerca: Contributo in libroContributo a convegno

Abstract

[Ita:]La situazione degli istituti penitenziari in Italia appare complessa poichè essi sono sollecitati da pressanti emergenze e continui cambiamenti per farvi fronte (Gozzoli, D’Angelo, in press). In tale scenario abbiamo condotto una Participatory Action Research (sollecita partecipazione attiva degli attori organizzativi nel processo di ricerca e nell’elaborazione e adozione di nuove azioni; McTaggart,1997) per favorire processi di connessione tra le parti e promuove convivenza nel contesto organizzativ0 (Carli,2000;Avallone,2011). Nella PAR son stati coinvolti 18 quadri intermedi di una casa circondariale lombarda al fine di promuovere tra essi una maggiore consapevolezza e responsabilità rispetto alla posizione di snodo che ricoprono e un ruolo più attivo nel processo di cambiamento in atto. La PAR è durata 4 mesi, per un totale di 7 incontri, che sono stati audioregistrati e trascritti. L’analisi del contenuto (col supporto di ATALS.ti) è in corso. Da una prima analisi dei dati sono emersi alcuni snodi chiave rispetto a come i ruoli intermedi percepiscono le dinamiche organizzative: a) richiesta continua d’indicazioni dall’alto per muoversi, pena l’immobilismo; b) assenza di una dimensione gruppale tra livelli intermedi come leva di supporto reciproco; c) forte percezione d’ingiustizia organizzativa. Tali snodi son divenuti oggetto di lavoro nella PAR. La ricerca ha consentito di evidenziare esiti e ricadute: - entro l’organizzazione: il gruppo coinvolto ha iniziato a percepirsi come tale e a intravedere la possibilità di un lavoro congiunto per incidere sui processi di cambiamento; - a livello conoscitivo rispetto agli istituti penitenziari: organizzazioni di tradizione fortemente verticistica sollecitate da pressanti richieste di cambiamento interno che privilegiano la dimensione della rete e della collaborazione tra parti (es direzione, sicurezza, area trattamentale, detenuti). Lo sviluppo di competenze di connessione in chi ricopre ruoli intermedi appare cruciale per facilitare tale cambiamento.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Intermediate roles and processes of organizational coexistence in a district house
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospite1992-2012. PSICOLOGIA, SCIENZA, SOCIETA'
Pagine377
Numero di pagine1
Stato di pubblicazionePubblicato - 2012
EventoCongresso nazionale delle sezioni AIP - Associazione Italiana di Psicologia - Chieti
Durata: 20 set 201223 set 2012

Convegno

ConvegnoCongresso nazionale delle sezioni AIP - Associazione Italiana di Psicologia
CittàChieti
Periodo20/9/1223/9/12

Keywords

  • CONVIVENZA
  • RUOLI INTERMEDI

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Ruoli intermedi e processi di convivenza organizzativa in una casa circondariale'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo