Rinascimento domenicano. Il convento dei Santi Stefano e Domenico in Bergamo tra XV e XVI secolo

Lorenzo Mascheretti

Risultato della ricerca: LibroBook

Abstract

[Ita:]Quando la notte dell’11 novembre 1561 lo scoppio di una mina rase al suolo il convento domenicano dei Santi Stefano e Domenico in Bergamo, uno dei maggiori centri culturali dell’Italia cinquecentesca scomparve per sempre. Solo un decennio prima, nel 1550, l’umanista Leandro Alberti nella sua Descrittione di tutta Italia ne aveva elogiato la biblioteca – «da annoverare fra le prime librarie d’Europa» – e, negli anni che precedettero la distruzione, la vita della comunità era stata animata da alcuni tra i più fini pensatori dell’ordine. L’abbattimento del complesso pose fine a questa fortunata stagione, ma non riuscì a cancellarne la memoria: seppure invisibile, il cenobio dei Santi Stefano e Domenico restò un monumento della città e la sua centralità nell’antico tessuto socio-culturale è restituita dall’assidua frequenza con cui il suo nome ricorre nelle carte d’archivio.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Dominican Renaissance. The convent of Saints Stefano and Domenico in Bergamo between the 15th and 16th centuries
Lingua originaleItalian
EditoreArchivio Bergamasco Centro studi e ricerche
Numero di pagine287
ISBN (stampa)9791280020031
Stato di pubblicazionePubblicato - 2020

Keywords

  • Domenicani
  • Dominicans

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Rinascimento domenicano. Il convento dei Santi Stefano e Domenico in Bergamo tra XV e XVI secolo'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo