Riforma Cartabia e pene sostitutive: la rottura “definitiva” della sequenza cognizione-esecuzione

Gianluca Varraso*

*Autore corrispondente per questo lavoro

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivista

Abstract

[Ita:]All’interno di una riforma che punta nella sua intitolazione all’efficienza della giustizia penale e alla celerità delle procedure giudiziarie, il d. lgs. n. 150 del 2022 ha modificato il sistema sanzionatorio del codice penale, oltre che del codice di rito. Il combinarsi delle modifiche sostanziali e processuali, che crea un intreccio tra diritto penale e processo quale “tratto più evidente che esprime lo spirito complessivo della riforma”, comporta rilevanti implicazioni circa i rapporti tra fase di merito ed esecuzione penale, con novità di grande interesse in executivis e inevitabili aporie interpretative, esaminate nel presente contributo.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Cartabia reform and substitute sentences: the "definitive" rupture of the cognition-execution sequence
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)N/A-N/A
RivistaGIUSTIZIA INSIEME
Stato di pubblicazionePubblicato - 2023

Keywords

  • Sanzioni sostitutive riforma

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Riforma Cartabia e pene sostitutive: la rottura “definitiva” della sequenza cognizione-esecuzione'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo