Riflessioni a margine della direttiva 2014/23/UE

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

Abstract

[Ita:]Il contributo esamina alcuni degli aspetti di maggiore rilievo della nuova direttiva europea sulle concessioni, con particolare riferimento a quelle di servizi. Il punto di vista privilegiato è quello della regolazione dei mercati e in questo contesto sono trattati in modo specifico due profili. Il primo è quello in ordine all’autonomia della pubblica amministrazione quanto all’individuazione e all’organizzazione dei servizi, anche quelli di interesse generale di carattere economico. L’espressione più significativa di tale autonomia è rappresentata dalla possibilità di scelta dell’amministrazione tra autoproduzione (o autoprestazione) e affidamento a terzi dei servizi, che si pone a monte di ogni aspetto regolatorio della nuova disciplina sulle concessioni e che comporta la necessità di delimitare il campo di operatività delle regole sulla concorrenza dell’Unione europea. Il secondo è quello in ordine alla distinzione tra concessione e appalto, che presenta, in particolare nella individuazione dei caratteri essenziali della concessione, elementi di discontinuità rispetto alla lettura tradizionale di questo istituto. Ciò comporta la necessità di ridefinire la linea di demarcazione tra l’appalto e la concessione e dunque, in definitiva, il confine delle rispettive discipline che l’amministrazione è tenuta ad applicare. Nelle conclusioni si pone l'accento sul fatto che la direttiva imporrà alcune modifiche importanti nella disciplina sui contratti pubblici e sulla necessità di un ripensamento dell’approccio del legislatore e dell’interprete rispetto ad alcuni grandi temi.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Reflections in the margins of Directive 2014/23 / EU
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)225-246
Numero di pagine22
RivistaRIVISTA DELLA REGOLAZIONE DEI MERCATI
Stato di pubblicazionePubblicato - 2014

Keywords

  • direttiva 2014/23/UE

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Riflessioni a margine della direttiva 2014/23/UE'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo