Recensione a M. Morandi, Cremona civilissima. Storia di una politica scolastica (1860-1911), Edizioni Ets, Pisa 2013

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaRecensionepeer review

Abstract

[Ita:]Il libro ha come oggetto la storia di Cremona dal punto di vista educativo nel primo cinquantennio postunitario. Esso prende in esame l’evolversi della scuola primaria, di competenza municipale, fra l’applicazione della legge Casati e l’emanazione della Daneo-Credaro (4 giugno 1911). L’approccio adottato dall’A. vuole essere interdisciplinare e mette a frutto gli studi da lui condotti sul governo politico e sulle vicende educative della città fra ‘800 e ‘900. Relativamente alla storia amministrativa, lo sforzo compiuto è stato quello di non circoscrivere l’analisi alle già note posizioni degli uomini più in vista, ma di allargare l’indagine alla vita degli enti territoriali.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Review to M. Morandi, Cremona civilissima. History of a school policy (1860-1911), Ets editions, Pisa 2013
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)283-283
Numero di pagine1
RivistaIL MESTIERE DI STORICO
VolumeVI
Stato di pubblicazionePubblicato - 2014

Keywords

  • Italia
  • Storia della Scuola
  • XIX e XX secolo

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Recensione a M. Morandi, Cremona civilissima. Storia di una politica scolastica (1860-1911), Edizioni Ets, Pisa 2013'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo