Quelques remarques sur les traductions du "Donat proensal" dans le ms. D 465 inf. de la Bibliothèque Ambrosiana de Milan

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

1 Citazioni (Scopus)

Abstract

[Ita:]Nel codice ambrosiano D 465 inf., già appartenuto a Gian Vincenzo Pinelli, si trova uno dei testimoni in lingua originale del "Donat proensal", insieme a due traduzioni italiane che risalgono al XVI secolo, e sono di autore ignoto. Le due traduzioni sono tuttora inedite. L'articolo mette a confronto i tre testi per cercare di stabilire un rapporto reciproco: è probabile che una delle due traduzioni derivi da un subarchetipo (delta) dal quale discende anche l'originale, mentre la seconda traduzione deriverebbe dall'originale che si trova nella biblioteca ambrosiana, anche se, molto probabilmente, il secondo traduttore ha sott'occhio anche la prima traduzione.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Some remarks on the translations of "Donat proensal" in ms. D 465 inf. of the Ambrosiana Library in Milan
Lingua originaleFrench
pagine (da-a)205-214
Numero di pagine10
RivistaRevue des Langues Romanes
Volume2016
Stato di pubblicazionePubblicato - 2016

Keywords

  • Donat proensal
  • Gian Vincenzo Pinelli

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Quelques remarques sur les traductions du "Donat proensal" dans le ms. D 465 inf. de la Bibliothèque Ambrosiana de Milan'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo