Abstract

[Ita:]A quale uomo si rivolge, oggi, la scienza? La possibilità reale (o illusoria) di manipolare i connotati biologici dell'esistenza umana mostra come l'uomo, inteso sia come soggetto che come oggetto della conoscenza scientifica, sia il grande assente della scienza contemporanea: l'antropologia individualista che esalta il dominio dell'uomo sulla realtà ha prodotto infatti un individuo a sua volta dominato da un ingranaggio sociale o tecno-scientifico, smarrito di fronte alle grandi questioni della vita e incapace di relazioni durature con i propri simili. La radice delle molteplici "crisi" del nostro tempo (da quella economica a quella educativa) è fondamentalmente antropologica. Per uscirne, l'uomo – lo scienziato, l'economista, l'educatore, il genitore – è chiamato a riscoprire la sua vera identità, cioè riconoscersi creatura, in costante rapporto con il suo creatore: è la strada suggerita dai protagonisti degli incontri promossi dalla Fondazione Internazionale Giovanni Paolo II. Uomini di scienza, di cultura e di fede in dialogo per affrontare le sfide del mondo contemporaneo – a cominciare dalla "biopolitica" – alla luce del Magistero sociale della Chiesa.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Which science for which man? The challenge of biopolitics
Lingua originaleItalian
EditoreCantagalli
Numero di pagine208
ISBN (stampa)9788882725297
Stato di pubblicazionePubblicato - 2010

Keywords

  • Biopolitica
  • Biopolitics
  • Catholic Social Teaching
  • Dottrina sociale della Chiesa
  • Eugenics

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Quale scienza per quale uomo? La sfida della biopolitica'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo