Prove di integrazione di indici di vegetazione telerilevati nei sistemi informativi per il monitoraggio della nutrizione azotata

Ferdinando Calegari, Massimo Vincini, Ermes Frazzi

Risultato della ricerca: Contributo in libroContributo a convegno

Abstract

[Ita:]Il lavoro esamina alcune procedure di integrazione nelle banche dati territoriali di informazioni derivate da telerilevamento ottico multi-spettrale, tecnologia adatta per costi per unità di area ed efficacia, al monitoraggio su base spaziale, e con elevata ripetitività temporale, dello status di nutrizione azotata delle colture agrarie. A tale scopo in un’area lombarda di circa 600 km2, selezionata in funzione della vulnerabilità alla lisciviazione dei nitrati, sono stati individuati gli appezzamenti omogenei coltivati a mais nel 2007 mediante tecniche di analisi object-oriented a partire dalle immagini multi-spettrali di un’acquisizione SPOT HRG del 8 luglio 2007 e dalla Carta dell’utilizzo agroforestale SIARL 2007. Successivamente nell’area campione sono state prodotte mappe indice di vegetazione correlate allo status di nutrizione azotata delle colture a partire dalla stessa acquisizione SPOT HRG. Viene presentata una prima statistica dei dati raccolti.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Tests for the integration of remote sensing vegetation indices in information systems for monitoring nitrogen nutrition
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteGestione e controllo dei sitemi agrari e forestali
Pagine1-6
Numero di pagine6
Stato di pubblicazionePubblicato - 2011
EventoGestione e controllo dei sistemi agrari e forestali - Belgirate
Durata: 22 set 201124 set 2011

Convegno

ConvegnoGestione e controllo dei sistemi agrari e forestali
CittàBelgirate
Periodo22/9/1124/9/11

Keywords

  • Azoto
  • Indici di vegetazione
  • Mais
  • telerilevamento

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Prove di integrazione di indici di vegetazione telerilevati nei sistemi informativi per il monitoraggio della nutrizione azotata'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo