Promuovere l’educazione e contrastare la povertà educativa. Questione di paradigmi?

Simona Finetti

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

Abstract

[Ita:]Le pratiche educative risentono del paradigma dominante nel contesto di appartenenza, che influenza la rappresentazione dell’essere umano, l’idea e le finalità dell’educazione. Conseguentemente, la pedagogia, scienza di raccordo tra le scienze umane, è chiamata a essere un’istanza critica. Il presente articolo esamina la questione della povertà educativa – e delle azioni possibili di prevenzione e contrasto – alla luce delle cornici culturali entro cui viene concepita. Le risposte alle declinazioni del fenomeno potrebbero giovarsi di contaminazioni o aperture a paradigmi epistemologici e culturali alternativi, in grado di arricchire la professionalità degli educatori e di nutrirne la motivazione. Per far fronte a povertà tipiche dell’odierna società occidentale si propone di attingere dal paradigma olistico sistemico emergente e dall’epistemologia della complessità, da prassi proto-olistiche e orientamenti derivanti dalle neuroscienze. Il lettore è accompagnato a riflettere sui fondamenti di un’educazione integrativa che, facendo tesoro del portato delle scienze da Oriente a Occidente, favorisca la fioritura e l’espressione della multidimensionalità umana.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Promote education and combat educational poverty. Question of paradigms?
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)29-41
Numero di pagine13
RivistaEncyclopaideia
Volume28
DOI
Stato di pubblicazionePubblicato - 2024
Pubblicato esternamente

Keywords

  • complexity theory
  • educational poverty
  • holism
  • interdependence
  • interdipendenza
  • olismo
  • paradigm
  • paradigma
  • povertà educativa
  • teoria della complessità

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Promuovere l’educazione e contrastare la povertà educativa. Questione di paradigmi?'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo