Profili storici della Convenzione di Oviedo e protocolli addizionali. Il protocollo sulla ricerca biomedica e il caso della sperimentazione di emergenza

Antonio Gioacchino Spagnolo, D Marrani, E Midolo

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

Abstract

[Ita:]A venti anni dalla Convenzione di Oviedo traspare ancora la sua attualità e importanza nel definire i principi dell’etica biomedica. Nonostante il cruciale ruolo ricoperto dalla Convenzione di Oviedo e dai suoi Protocolli aggiuntivi, gli Stati Membri presentano una disomogenea adozione degli stessi. In particolar modo, l’Italia ha iniziato il processo di ratifica nel lontano 2001, ma tale processo non essendosi mai concluso lascia un vuoto normativo in alcuni settori importanti come quello della sperimentazione clinica. Tale vuoto risalta maggiormente con l’adozione del nuovo Regolamento EU 536/2014, il quale – sostituendo la Direttiva CE 20/2001 – apporta numerosi cambiamenti ed introduce la possibilità di applicare la sperimentazione in emergenza su soggetti incapaci di fornire consenso informato. Vari sono i dilemmi normativi ed etici che sorgono in relazione a questo tipo di sperimentazione sui soggetti vulnerabili.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Historical profiles of the Oviedo Convention and additional protocols. The protocol on biomedical research and the case of emergency testing
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)707-716
Numero di pagine10
RivistaMEDICINA E MORALE
DOI
Stato di pubblicazionePubblicato - 2017

Keywords

  • Convenzione di Oviedo
  • Oviedo Convention
  • clinical trials on incapable subjects
  • sperimentazione su soggetti incapaci

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Profili storici della Convenzione di Oviedo e protocolli addizionali. Il protocollo sulla ricerca biomedica e il caso della sperimentazione di emergenza'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo