Processi trasformativi nei gruppi di lavoro. Un’analisi clinica di un percorso di formazione in un Servizio di Mediazione Penale Minorile

Giancarlo Tamanza, Maria Luisa Gennari, Caterina Gozzoli, 27256, DI PSICOLOGIA FACOLTA', MILANO - Dipartimento di Psicologia

Risultato della ricerca: Contributo in libroContributo a convegno

Abstract

[Ita:]Nel presente contributo vogliamo presentare e discutere un’esperienza di accompagnamento allo sviluppo di un servizio di Mediazione Penale Minorile, dispiegatasi nel corso di quasi tre anni e articolata in tre fasi distinte: una fase di ricerca valutativa sul processo e sugli esiti dell’attività realizzata; una fase di supervisione della pratica mediativa; una fase di formazione sulle modalità di funzionamento del gruppo di lavoro. Illustreremo, in particolare, quest’ultima fase del lavoro che ha impegnato l’intera équipe per circa dieci mesi, soffermandoci soprattutto su alcuni elementi di metodo e di tecnica che hanno contraddistinto l’intervento di formazione e che hanno permesso di attivare la funzione riflessiva del gruppo di lavoro e, conseguentemente, di avviare un importante processo trasformativo delle modalità attraverso le quali realizzare l’intervento di mediazione. L’intervento di formazione è stato impostato secondo un approccio clinico/psicosociologico1 e, a partire dalla lettura clinica della domanda espressa dal gruppo e da quanto emerso nelle due precedenti fasi di lavoro, ha riguardato essenzialmente due aspetti: la promozione di una maggiore consapevolezza circa la forma di convivenza organizzativa che contraddistingue il gruppo di lavoro e l’incremento delle capacità del gruppo di assumere in modo esplicito e dichiarato la funzione di “governo” del gruppo di lavoro, all’interno di possibili trasformazioni e sviluppi delle procedure e delle modalità operative. L’ipotesi di fondo, a cui questi obiettivi si ancorano e da cui derivano le scelte dei contenuti e delle modalità di formazione, risiede nella convinzione che le criticità riscontrate nella realizzazione dell’attività di mediazione (l’oggetto di lavoro) siano direttamente connesse alle dimensioni relazionali che attraversano il funzionamento del gruppo di lavoro e, più precisamente, alla difficoltà di ricomporre i differenti significati che gli operatori attribuiscono alla propria funzione ed i differenti sentimenti che segnano la loro appartenenza al servizio, nell’intreccio latente tra identità e alterità, tra valori e poteri, tra pratiche comportamentali e ideali.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Transformative processes in working groups. A clinical analysis of a training course in a Juvenile Criminal Mediation Service
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteAssociazione Italiana di Psicologia, Sezione Clinica e Dinamica, XVI Congresso Nazionale
Pagine138-139
Numero di pagine2
Stato di pubblicazionePubblicato - 2014
EventoCongresso Nazionale Associazione Italiana di Psicologia, Sezione Clinica e Dinamica. - Pisa
Durata: 19 set 201421 set 2014

Convegno

ConvegnoCongresso Nazionale Associazione Italiana di Psicologia, Sezione Clinica e Dinamica.
CittàPisa
Periodo19/9/1421/9/14

Keywords

  • Servizi
  • mediazione Penale Minorile
  • processi formativi

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Processi trasformativi nei gruppi di lavoro. Un’analisi clinica di un percorso di formazione in un Servizio di Mediazione Penale Minorile'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo