Primo Levi testimone processuale. La lingua letteraria come lingua giuridica

Alessandro Provera

Risultato della ricerca: Contributo in libroChapter

Abstract

[Ita:]Il contributo prende spunto e analizza due testimonianze processuali rilasciate da Primo Levi nell'ambito di due diversi processi, di cui uno è quello di Gerusalemme a carico di Adolf Eichmann. La lingua 'giuridica' di Primo Levi utilizzata in queste testimonianze è assolutamente coincidente con quella delle sue opere. Asciutta, essenziale, precisa: ottimo esempio di una testimonianza seria e attendibile. La testimonianza destinata al processo di Gerusalemme non fu, però, mai assunta in dibattimento, probabilmente perché, in opposizione ad alcune letture dello sterminio del popolo ebraico, non considerava la Shoah una 'cosa dell'altro mondo', ma un fenomeno ripetibile in qualsiasi contesto e che questa fosse la sua caratteristica più tragica. Il contributo si sofferma sul ruolo che la lingua poetica e letteraria può avere nel processo e se si possa 'fare letteratura' anche dopo un'immane tragedia come la Shoah.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Primo Levi witness witness. Literary language as a legal language
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteGiustizia e letteratura II
EditorGABRIO FORTI, CLAUDIA MAZZUCATO, ARIANNA VISCONTI
Pagine591-597
Numero di pagine7
Stato di pubblicazionePubblicato - 2014

Keywords

  • Lingua letteraria e lingua giuridica
  • Primo Levi
  • Processo Eichmann
  • Shoah
  • Testimonianze processuali

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Primo Levi testimone processuale. La lingua letteraria come lingua giuridica'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo