"Prigionieri della speranza". Scrittori ebrei per ragazzi tra opposizione, consenso e persecuzione

Risultato della ricerca: Contributo in libroChapter

Abstract

[Ita:]Nella cultura italiana tra le due guerre si incontra un crescente impegno di autori ebrei nell’educazione alla lettura e nella scrittura creativa destinata al pubblico giovanile. L’educazione delle giovani generazioni e l’attenzione profonda per la bellezza della parola è viatico per la conservazione e la trasmissione di una memoria individuale e collettiva alla generazione che viene. Entro tale orizzonte di senso si situano scrittori dai percorsi personali e narrativi molto diversi che vanno dall’aperta opposizione al fascismo, come Paola Carrara Lombroso, Amelia Rosselli e Dino Provenzal, ad altri dalle esistenze più tortuose, come Laura Cantoni Orvieto, Ada Cagli Della Pergola e le sorelle Anna e Rosa Errera. I tentativi perpetrati ai loro danni dalle persecuzioni razziali per annullarne la voce narrativa bloccando le pubblicazioni fino a casi estremi di mancato riconoscimento dell’autorialità delle loro opere, confermano l’idea che la passione ebraica per la scrittura e la fiducia incrollabile per l’educazione siano state le cifre distintive per qualificarli “prigionieri della speranza” e che lungo tale itinerario siano riusciti realmente a consegnarci la modernità della parola scritta e l’esempio della loro esistenza.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] "Prisoners of hope". Jewish children's writers between opposition, consent and persecution
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospitePiccoli eroi. Libri e scrittori per ragazzi durante il ventennio fascista
Pagine97-108
Numero di pagine12
Stato di pubblicazionePubblicato - 2016

Keywords

  • Amelia Rosselli
  • Anna e Rosa Errera
  • Italia
  • Italy
  • Laura Cantoni Orvieto
  • Paola Carrara Lombroso
  • XX secolo
  • XXth Century
  • letteratura per l'infanzia ebraica

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di '"Prigionieri della speranza". Scrittori ebrei per ragazzi tra opposizione, consenso e persecuzione'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo