Prevention and fight against cybercrime: the ILLbuster project

Roberta Casiraghi, Andrea Rossetti, Giuseppe Vaciago, Stefano Ricci, Edoardo Colzani

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

Abstract

[Ita:]Il software ILLBuster (potenzialmente utile strumento a disposizione della polizia per la lotta al crimine informativo) va inquadrato all’interno dei principi e delle coordinate desumibili dal nostro ordinamento processuale, rilevandone la sua appartenenza alla cosiddetta attività a “finalità mista”., poiché l’attività ad esso connessa si sviluppa prima del sorgere di una notizia di reato ma produce i suoi effetti ben oltre tale momento, il quale funge da spartiacque fra l’attività amministrativa e l’attività investigativa. Proprio per questa sua seconda prerogativa, si è reso necessario analizzare in dettaglio la disciplina processuale della digital evidence, con particolare riguardo alle innovazioni introdotte dalla l. 18 marzo 2008 n. 48, la quale ha ratificato e dato esecuzione alla Convenzione del Consiglio d’Europa in materia di criminalità informatica firmata a Budapest il 23 novembre 2001. Per concludere, si è cercato di inquadrare il dato appreso con l’attività ILLBuster all’interno del catalogo probatorio, concentrandosi sulla nozione di documento (informatico)
Lingua originaleEnglish
pagine (da-a)155-192
Numero di pagine38
RivistaCIBERSPAZIO E DIRITTO
Volume2015
Stato di pubblicazionePubblicato - 2015

Keywords

  • Attività amministrativa e attività d’indagine penale
  • Digital evidence
  • Evidence
  • Prova
  • Prova infomatica
  • administrative activity and criminal investigative activity

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Prevention and fight against cybercrime: the ILLbuster project'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo