Positive Youth Development e rischio

Elena Marta, Sara Alfieri

Risultato della ricerca: Contributo in libroChapter

Abstract

[Ita:]Molti comportamenti a rischio quali il consumo di alcol e sostanze, i rapporti sessuali non protetti e il gioco d’azzardo iniziano ad essere sperimentati proprio in adolescenza (Johnston et al., 2010). Sebbene molti adolescenti attraversino senza incontrare problemi significativi questa fase del ciclo di vita, altri ne raccolgono difficoltà e sofferenza. L’adolescenza non è infatti descrivibile in modo univoco, poiché presenta grandi differenze per quanto concerne percorso individuale, familiare e sociale (Carrà - Marta, 1995). Come abbiamo visto nel primo capitolo del presente volume, il Positive Youth Development (PYD) incoraggia a prendere in considerazione nelle traiettorie di sviluppo non solamente gli aspetti individuali, ma anche il contesto all’interno del quale l’adolescente nasce e cresce. Scarse risorse individuali, ma un contesto familiare e sociale supportivo e stimolante, possono aiutare nella prevenzione di comportamenti a rischio in adolescenza. Identificare le difficoltà di un percorso e del suo contesto di sviluppo consente di intervenire tempestivamente laddove ve ne sia necessità: le ricerche infatti dimostrano come l’assunzione di comportamenti a rischio in età precoce, quale ad esempio il consumo di sostanze, possa causare non solo l’abitudine al consumo in fasi del ciclo di vita successive, ma ulteriori
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Positive Youth Development e rischio
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteGENERAZIONE Z. Guardare il mondo con fiducia e speranza
Pagine109-132
Numero di pagine24
Stato di pubblicazionePubblicato - 2018

Keywords

  • Adolescence
  • Adolescenza
  • Rischio
  • Risk

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Positive Youth Development e rischio'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo