Abstract

[Ita:]Nel mondo contemporaneo, tecniche e strumenti di persuasione sociale appaiono ormai invadenti e inaspettatamente diffusi. Tuttavia, non ci troviamo di fronte a un fenomeno nuovo. La politica - tanto nei regimi democratici quanto (e soprattutto) nei regimi autoritari o totalitari - ha sempre cercato, riuscendo assai spesso nel proprio intento, di ‘controllare' il popolo. Durante il XX secolo, il potere con un'azione incessante e persistente ha tentato di plasmare la vita dell’uomo. Ciò che è completamente cambiato al giorno d’oggi è l’ambiente politico, economico e istituzionale, nel quale le tecniche sociali di persuasione vengono utilizzate. Pertanto, tali mutamenti inducono a ripensare criticamente sia la capacità di analisi dei problemi, sia e in particolar modo l’individuazione di possibili soluzioni. Dopo che, per alcuni decenni, politica ed economia hanno rincorso le promesse (non mantenute) di un’auspicata utopia tecnologica, in grado - almeno negli intenti dei suoi promotori - di attuare una trasformazione della società e (finanche) dell’uomo, l’una e l’altra si trovano infatti nella condizione di doversi difendere dalla (più o meno aggressiva) avanzata di una inattesa distopia socio-culturale.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Politics and fake news
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteFake news e libertà cognitiva
Pagine83-90
Numero di pagine8
Stato di pubblicazionePubblicato - 2020

Keywords

  • Communication
  • Democracy
  • Fake News
  • Politics

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Politica e fake news'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo