Poesia epigrafica pavese di età longobarda: le iscrizioni sui monumenti

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivista

Abstract

[Ita:]Durante il periodo di maggior splendore del regno dei Longobardi, Pavia fu beneficiata dalla committenza dei sovrani che si fecero promotori della costruzione o dell’abbellimento di edifici religiosi. Chiese e palazzi, in particolare quello di Corteolona, voluto da re Liutprando, erano illustrati da iscrizioni metriche. Perduti gli originali, i testi sono stati salvati dalla tradizione manoscritta, in particolare dalla Sylloge circumpadana et subalpina, una raccolta di iscrizioni paleocristiane e altomedievali dell’Italia settentrionale, copiata nel sec. IX nel Vat. Pal. lat. 833. Il contributo analizza le iscrizioni pavesi di eta longobarda presenti sui monumenti della citta e nel palazzo di Corteolona, ne offre una rinnovata edizione critica, accompagnata da un puntuale commento che ne spiega le caratteristiche tecniche e letterarie e le inserisce nell’ambito della cultura longobarda del sec. VIII.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Longobard epigraphic Pavese poetry: inscriptions on monuments
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)1-32
Numero di pagine32
RivistaITALIA MEDIOEVALE E UMANISTICA
Volume60
Stato di pubblicazionePubblicato - 2019

Keywords

  • Epigrafia medievale
  • Paolo Diacono
  • Pavia

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Poesia epigrafica pavese di età longobarda: le iscrizioni sui monumenti'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo