Pluralità di modelli iconografici nel tardogotico visconteo

Risultato della ricerca: Contributo in libroChapter

Abstract

[Ita:]La decorazione in gran parte inedita del ms. 252 della Bibliothèque Municipale di Arras, con le Postillae bibliche di Nicolò de Lyra, commissionato da Gian Galeazzo Visconti, consente d'individuare la pluralità di modelli iconografici adottati nella cultura figurativa tardogotica viscontea: in particolare si considerano le immagini riguardanti le architetture, i lavori umani, gli arredi ebraici e le componenti orientali, in rapporto anche ad altri cicli biblici, come quello dipinto sulle volte del transetto del Duomo di Cremona.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Plurality of iconographic models in the Visconti late Gothic
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospite‘Domus sapienter staurata’. Scritti di storia dell’arte per Marina Righetti
EditorAnna Maria D'Achille, Antonio Iacobini, Pio Francesco Pistilli
Pagine696-703
Numero di pagine8
Stato di pubblicazionePubblicato - 2021

Keywords

  • Gian Galeazzo Visconti
  • Miniatura tardogotica

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Pluralità di modelli iconografici nel tardogotico visconteo'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo