Pitagora e l'ultima metamorfosi di Ovidio

Silvia Stucchi

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivista

Abstract

[Ita:]Il discorso di Pitagora, con cui si apre il quindicesimo e ultimo libro delle "Metamorfosi" ovidiane, viene analizzato con particolare riferimento allo statuto del poeta: in altre parole, al lettore dotto non deve sfuggire che il discorso di Pitagora non riguarda tanto la filosofia (pur essendo il pitagorismo profondamente inscritto nella sensibilità dell' élite romana fin dall'età medio-repubblicana), ma riguarda la poetica stessa dell'autore. Ultima metamorfosi dell'opera, infatti, è quella del poeta stesso, che, in una sorta di adesione che va ben al di là di quanto affermato da Orazio in carm. 3, 30, sopravvive come voce eternamente e gloriosamente può narrare ai posteri il suo poema.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Pythagoras and Ovid's last metamorphosis
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)159-184
Numero di pagine26
RivistaSILENO
Volume2005
Stato di pubblicazionePubblicato - 2005

Keywords

  • Orazio
  • Ovidio
  • Pitagora, pitagorismo
  • Poesia latina

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Pitagora e l'ultima metamorfosi di Ovidio'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo