Pietra ollare: una risorsa alpina. Considerazioni su recenti ritrovamenti a Chiavenna (SO)

Risultato della ricerca: Contributo in libroChapter

Abstract

[Ita:]Chiavenna (SO), posta su una delle principali vie di attraversamento dell’arco alpino centrale, è stato uno dei più importati centri di produzione di recipienti in pietra ollare, grazie alle cave di talcoscisto prossime all’abitato. Recenti indagini archeologiche in via Picchi hanno individuato un impianto residenziale sorto nel I secolo d. C. e frequentato sino al VI secolo che ha restituito una grande quantità di questi manufatti. Lo studio di tali reperti consente pertanto di riconoscere l’evoluzione di questa attività produttiva dalla prima età imperiale sino all’altomedioevo. Nel periodo tardoantico, in particolare, quando l’escavazione manuale di blocchi viene sostituita dalla foggiatura al tornio meccanico, il ventaglio tipologico si arricchisce notevolmente e si producono forme da cucina, conserva e da mensa che tendono a sostituire analoghi recipienti in ceramica. Un’affermazione ancora più sensibile si riscontra nei depositi altomedievali, quando quelli in pietra ollare sono praticamente gli unici recipienti attestati nei depositi indagati. I numerosi residui e scarti di lavorazione offrono inoltre la possibilità di indagare sui procedimenti di foggiatura e gli sviluppi della tecnologia di lavorazione.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Soapstone: an alpine resource. Considerations on recent findings in Chiavenna (SO)
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteRisorse naturali e attività produttive: Ferento a confronto con altre realtà, Atti del II Convegno di Studi in memoria di Gabriella Maetzke (Viterbo 27-28 aprile 2010)
Pagine229-247
Numero di pagine19
Stato di pubblicazionePubblicato - 2011

Keywords

  • pietra ollare

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Pietra ollare: una risorsa alpina. Considerazioni su recenti ritrovamenti a Chiavenna (SO)'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo