Abstract

[Ita:]Il discorso sulla luce è sempre stato appannaggio della fisica, al cui interno essa viene considerata come radiazione, onda elettromagnetica, energia, e di conseguenza letta e interpretata in un universo semantico definito da angoli, rette, campi, onde... Eppure, non appena la luce attraversa e abita quel 'corpo' che è il soggetto umano, ecco che la fisica si trova presa in un intrigo di riflessi e riflessioni, speculazioni e pulsioni, fantasie e fantasmi, dove lo spazio si curva e la retta si intreccia, il punto esplode e si dissemina. Per questo insieme aggrovigliato e sorprendente la fisica non mostra alcun interesse. Costretti ad abbandonare lo spazio misurabile e quieto della geometria, troviamo allora il soccorso della metafisica, che conosce l'arte di avvicinare l'eccedenza dell'umano, di schiudere le porte del luogo in cui la luce è abitata dallo stupore come dall'invidia, dallo sguardo di appropriazione come da quello idolatrico, financo dal baratro della tenebra.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Small metaphysics of light. A theory of the gaze
Lingua originaleItalian
EditoreVita e Pensiero
Numero di pagine155
ISBN (stampa)978-88-343-4156-8
Stato di pubblicazionePubblicato - 2021

Keywords

  • Sguardo
  • Luce
  • Metafisica

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Piccola metafisica della luce. Una teoria dello sguardo'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo