Phantasia in Aristotle’s Ethics. Reception in the Arabic, Greek, Hebrew and Latin Traditions, edited by Jakob Leth Fink, London – New York – Oxford – New Delhi – Sydney, Bloomsbury Academic, 2019. Un vol. di pp. VI + 175.

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaRecensionepeer review

Abstract

[Ita:]Un volume edito da Jakob Leth Fink chhe tiene come punto di partenza comune dei vari saggi sono poche righe dell’Etica Nicomachea di Aristotele (τῷ δὲ διεφθαρμένῳ δι᾽ ἡδονὴν ἢ λύπην εὐθὺς οὐ φαίνεται ἀρχή, «Ma, se uno è stato corrotto dal piacere o dal dolore, subito non gli appare più il principio», EN 6.5.1140b 17-18) lette attraverso un selezionato numero di interpreti all’interno della tradizione aristotelica araba, greca, ebraica e latina. Coscienti di non coprire l’intera opera e di non considerare l’intera tradizione aristotelica, gli Autori concentrano volutamente la propria attenzione su un tema specifico, la phantasia,
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Phantasia in Aristotle’s Ethics. Reception in the Arabic, Greek, Hebrew and Latin Traditions, edited by Jakob Leth Fink, London – New York – Oxford – New Delhi – Sydney, Bloomsbury Academic, 2019. Un vol. di pp. VI + 175.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)218-220
Numero di pagine3
RivistaAEVUM
Volume94
Stato di pubblicazionePubblicato - 2020

Keywords

  • Aristotele
  • Aristotle
  • De anima
  • Middle Ages
  • ethics
  • etica
  • fantasia
  • medioevo
  • phantasy

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Phantasia in Aristotle’s Ethics. Reception in the Arabic, Greek, Hebrew and Latin Traditions, edited by Jakob Leth Fink, London – New York – Oxford – New Delhi – Sydney, Bloomsbury Academic, 2019. Un vol. di pp. VI + 175.'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo