Padre Gherardo e la "Casa del Fanciullo": l’educazione dei bambini abbandonati nella Piacenza del secondo dopoguerra

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

Abstract

[Ita:]Nell’Italia del secondo dopoguerra la condizione dei bambini abbandonati rappresentava un importante problema educativo, oltre che sociale. A causa di una prolungata solitudine e di misere condizioni di vita, molti di questi minori si riversavano nelle strade cittadine, dedicandosi al vagabondaggio, all’accattonaggio o a piccoli lavori in nero. Nella Piacenza di fine 1948, il frate francescano Gherardo Gubertini istituì per loro la “Casa del Fanciullo”. Con la sua opera egli aspirava prima di tutto a includere i bambini nella società, promuovendo un’azione educativa globale incentrata sulla scolarizzazione e sulla formazione professionale. Investendo anche sulle famiglie di tali minori, responsabilizzate nella loro primaria funzione educativa, padre Gubertini prese le distanze dalla diffusa pratica del ricovero in istituto, prevedendo invece un’accoglienza semi-residenziale. Il paper presenta gli esiti di un’inedita ricerca bibliografica e archivistica, che pone la storia della “Casa del Fanciullo” nel più ampio panorama educativo italiano del tempo.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Father Gherardo and the "Casa del Fanciullo": the education of abandoned children in Piacenza after World War II
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)102-114
Numero di pagine13
RivistaPEDAGOGIA OGGI
VolumeXVIII
DOI
Stato di pubblicazionePubblicato - 2020

Keywords

  • Casa del Fanciullo
  • Infanzia abbandonata
  • Piacenza
  • padre Gubertini
  • secondo dopoguerra

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Padre Gherardo e la "Casa del Fanciullo": l’educazione dei bambini abbandonati nella Piacenza del secondo dopoguerra'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo