Oltre la civiltà dell’empatia: il contatto empatico può rendere ciechi alle caratteristiche psicologiche di un’altra persona

Simona Sciara, Teresa Battaglia, Giuseppe Pantaleo

Risultato della ricerca: Contributo in libroContributo a convegno

Abstract

[Ita:]Introduzione. E’ opinione comune che un atteggiamento empatico (emozione vicaria, e.g. Batson, 2008) sia altamente desiderabile per comprendere appieno un’altra persona—per es. un paziente—che ci stia raccontando di sé. In tempi recenti, il contatto empatico è stato elogiato e addirittura posto al centro di una nuova epoca, definita ‘Civiltà dell’empatia’ (Rifkin, 2009). La teoria delle prospettive multiple (Pantaleo, 1997; Wicklund, 1999; Wicklund & Pantaleo, 2001), tuttavia, ipotizza che una forte ‘connessione empatica’ dovrebbe invece renderci ciechi—anziché aperti e ricettivi—alle caratteristiche (anche contraddittorie) altrui, per via dell’inevitabile reazione di chiusura (orienting) indotta dall’empatia (Pantaleo & Canessa, 2011). Metodo. Questa ipotesi è stata testata, per la prima volta, in un vero esperimento. Nella condizione di controllo (n1=11) i partecipanti guardavano una video-intervista a ‘Giulia’ (un’attrice complice), che raccontava di sé e del rapporto col suo fidanzato (nel racconto erano volutamente presenti alcune contraddizioni, anche relative a specifiche preferenze e presunte caratteristiche psicologiche di Giulia). Nella condizione sperimentale (induzione di empatia), prima di far vedere il video, ai partecipanti (n2=11) veniva comunicato che, al momento della registrazione, Giulia non sapeva ancora di un grave incidente occorso al fidanzato. Terminata la visione, i partecipanti indicavano quindi se, nel racconto di Giulia, fossero presenti contraddizioni, eventualmente elencandole. Risultati. A parità di attenzione prestata al racconto, mentre la totalità (100%) dei partecipanti del gruppo di controllo riportava correttamente le contraddizioni presenti, quasi la metà (45%) dei partecipanti del gruppo ‘empatico’ riferiva, invece, di non aver notato assolutamente nulla di strano (Freeman-Halton Fisher exact test: p=.018)—men che meno le contraddizioni relative ai particolari atteggiamenti e/o caratteristiche psicologiche di Giulia. Conclusioni. La consapevolezza di una tale forma di ‘cecità sociale’ indotta dall’empatia—qui per la prima volta dimostrata—potrebbe interessare e tornare utile a tutto il personale socio-sanitario: ‘empatici’ ma socialmente ciechi?
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Beyond the civilization of empathy: empathic contact can blind another person's psychological characteristics
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospitePsicologia come scienza della salute
Pagine89-90
Numero di pagine2
Stato di pubblicazionePubblicato - 2017
EventoXII Congresso Nazionale SIPSA - Firenze
Durata: 3 nov 20175 nov 2017

Convegno

ConvegnoXII Congresso Nazionale SIPSA
CittàFirenze
Periodo3/11/175/11/17

Keywords

  • compassione
  • distorsione cognitiva
  • empatia
  • motivazione
  • orienting
  • percezione

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Oltre la civiltà dell’empatia: il contatto empatico può rendere ciechi alle caratteristiche psicologiche di un’altra persona'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo