Obiezione di coscienza e democrazia

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivista

Abstract

[Ita:]Viene delineato il rilievo dell’obiezione di coscienza nello Stato di diritto, la quale, ove sia in gioco l’indisponibilità alla lesione di diritti costituzionali inviolabili, non si configura come deroga alla legalità, ma come correlato insopprimibile del rango di quei diritti. In tal senso, si motiva come lo Stato non possa esigere comportamenti lesivi di questi ultimi: né obbligando all’assunzione di ruoli professionali che si caratterizzino, come l’attività militare, per la possibilità di adottare simili comportamenti, né costringendo coloro che assumono ruoli professionali che non si caratterizzano per tale possibilità, come i professionisti sanitari, a tenere quel tipo di comportamenti. Se ne deriva l’individuazione di un ambito in cui il diritto all’obiezione di coscienza è direttamente desumibile dalla Costituzione.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Conscientious objection and democracy
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)29-34
Numero di pagine6
RivistaI QUADERNI DI SCIENZA & VITA
Volume12 (ISBN 978-88-6879-020-2)
Stato di pubblicazionePubblicato - 2013

Keywords

  • obiezione di coscienza e Costituzione
  • obiezione di coscienza: ambito di rilevanza

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Obiezione di coscienza e democrazia'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo