Nuovi sviluppi per il test Aranyosi e Căldăraru ed il rapporto tra giurisdizioni: il caso Dorobantu

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivista

Abstract

[Ita:]L’articolo analizza la sentenza Dorobantu del 15 ottobre 2019 con cui la Grande Sezione della Corte di giustizia dell’Unione europea è tornata a pronunciarsi sul delicato tema della non eseguibilità del mandato di arresto europeo, quando le condizioni di detenzione del destinatario del provvedimento possono determinare un trattamento inumano o degradante. Il caso, nato da un rinvio pregiudiziale del Tribunale superiore di Amburgo, sollecitato a sua volta da un’ordinanza della Corte costituzionale federale tedesca, offre diversi punti di riflessione. Innanzitutto, la Corte ha chiarito alcuni aspetti del test Aranyosi e Căldărarurelativi in particolare allo spazio personale disponibile in una cella collettiva ed al rapporto di fiducia tra l’autorità giudiziaria di esecuzione e quelle di emissione. In secondo luogo, il caso permette di riflettere sul rapporto tra giurisdizioni – CCFT, Corte EDU e Corte di giustizia – in relazione alla protezione dei diritti fondamentali.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] New developments for the Aranyosi and Căldăraru test and the relationship between jurisdictions: the Dorobantu case
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)107-121
Numero di pagine15
RivistaEUROJUS
Volume2020
Stato di pubblicazionePubblicato - 2020

Keywords

  • condizioni di detenzione
  • european arrest warrant
  • mandato d'arresto europeo
  • mutual recognition
  • mutuo riconoscimento

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Nuovi sviluppi per il test Aranyosi e Căldăraru ed il rapporto tra giurisdizioni: il caso Dorobantu'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo