Notti ἐπίρροθοι: sull'interpretazione di Hes. Op. 560

Risultato della ricerca: Contributo in libroChapter

Abstract

[Ita:]L'articolo analizza l'impiego del termine ἐπίρροθος in Hes. Op. 560 dal punto di vista referenziale, sintattico e semantico, per approdare a una nuova interpretazione del passo. Nella sua accezione etimologica, l'epiteto riflette l'immagine, ampiamente documentata, della Notte che corre. Nel verso in questione, ἐπίρροθοι εὐφρόναι può essere inteso come designazione enigmatica delle notti invernali, che corrono e si accumulano una dietro l'altra.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Nights ἐπίρροθοι: on the interpretation of Hes. Op. 560
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteΔόσις δ᾿ ὀλίγη τε φίλη τε. Studi offerti a Mario Cantilena per i suoi 70 anni
EditorSilvia Barbantani, Antonietta Porro
Pagine47-70
Numero di pagine24
Stato di pubblicazionePubblicato - 2019

Keywords

  • Esiodo
  • Notte che corre
  • designazione enigmatica
  • epiteto descrittivo
  • inverno
  • ἐπίρροθος

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Notti ἐπίρροθοι: sull'interpretazione di Hes. Op. 560'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo