Nota a CORTE DI CASSAZIONE, Sezione II pen., sentenza n. 2560 del 7 novembre 2014 - 1 dicembre 2014 - Pres. Fiandese - Est e Rel. Verga - P.M. Conf.

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivista

Abstract

[Ita:]Ai fini dell’integrazione del concorso di persone nel reato, è necessario raggiungere la prova dell’effettivo contributo causale dato da un soggetto nella commissione del fatto penalmente illecito. È quindi necessario che il giudice di merito dia conto degli elementi fattuali dai quali ricavare l’esistenza di una reale partecipazione nella fase ideativa o preparatoria del reato, precisando sotto quale forma essa si sia concretamente manifestata in rapporto di causalità efficiente con le attività poste in essere dagli altri concorrenti, non potendosi confondere l’atipicità della condotta criminosa concorsuale dell’art. 110 cod. pen. con l’indifferenza probatoria circa le forme concrete del suo manifestarsi nella realtà.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Note to COURT OF CASSATION, Section II pen., Sentence no. 2560 of 7 November 2014 - 1 December 2014 - Pres. Flanders - East and Rel. Verga - PM Conf.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)259-263
Numero di pagine5
RivistaRIVISTA ITALIANA DI MEDICINA LEGALE E DEL DIRITTO IN CAMPO SANITARIO
Stato di pubblicazionePubblicato - 2015

Keywords

  • abuso d'ufficio
  • atipicità del contributo concorsuale
  • concorso di persone nel reato

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Nota a CORTE DI CASSAZIONE, Sezione II pen., sentenza n. 2560 del 7 novembre 2014 - 1 dicembre 2014 - Pres. Fiandese - Est e Rel. Verga - P.M. Conf.'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo