Nota a C. Cass., Sezione IV pen., sentenza n. 2347/14 del 27 novembre 2013 - 20 gennaio 2014 - Pres. Zecca - Est. e Rel. Massafra e a C. Cass., Sezione IV pen., sentenza n. 4058/14 del 12 dicembre 2013 - 29 gennaio 2014 - Pres. Brusco - Est. e Rel. Dell’Utri

Eliana Greco

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivista

Abstract

[Ita:]Il disposto dell’art. 3, l. n. 189/2012 non opera nei casi in cui l’esercente la professione sanitaria non abbia osservato, nello svolgimento della propria attività, linee-guida o pratiche terapeutiche mediche virtuose, per giunta accreditate dalla comunità scientifica. Il richiamo all’operatività dell’art. 3 della legge n. 189/2012 non è esperibile quando la condotta dell’agente si sia sensibilmente discostata dagli standards operativi riferiti a un intervento in nessun modo riconducibile a un caso di particolare difficoltà.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Note to C. Cass., Section IV pen., Sentence no. 2347/14 of 27 November 2013 - 20 January 2014 - Pres. Zecca - Est. And Rel. Massafra and C. Cass., Section IV pen., Sentence no. 4058/14 of 12 December 2013 - 29 January 2014 - Pres. Brusco - Est. And Rel. Dell'Utri
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)669-677
Numero di pagine9
RivistaRIVISTA ITALIANA DI MEDICINA LEGALE
Volume2014
Stato di pubblicazionePubblicato - 2014

Keywords

  • Omicidio colposo - Lesioni colpose gravi - Colpa - In genere - Colpa medica

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Nota a C. Cass., Sezione IV pen., sentenza n. 2347/14 del 27 novembre 2013 - 20 gennaio 2014 - Pres. Zecca - Est. e Rel. Massafra e a C. Cass., Sezione IV pen., sentenza n. 4058/14 del 12 dicembre 2013 - 29 gennaio 2014 - Pres. Brusco - Est. e Rel. Dell’Utri'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo